Il versamento IVA quarto trimestre 2017

Il versamento dell’IVA trimestre viene versato da chi ha un volume d’affari inferiore a 309.874,10 euro. Questi soggetti possono pagare l’IVA trimestralmente, tramite modello F24, il 16 del secondo mese successivo a quello di registrazione e di chiusura del periodo di fatturazione.

Il quarto trimestre va da ottobre a dicembre e va pagato nei mesi successivi, ovviamente, nell’anno successivo. I contributi dello scorso anno vanno versati, dunque, il 16 febbraio o il 16 marzo: a seconda che siano autotrasportatori o distributori di carburanti. 

Versamento IVA quarto trimestre 2017 in dichiarazione dei redditi 

Come abbiamo già visto, è possibile saldare il trimestre del 2017 nel 2018, entro e non oltre il 16 marzo, in quanto secondo mese dell’anno dopo il trimestre dovuto.

La data di scadenza per i possessori di partita IVA può essere prolungata, per chi vuole inserire il saldo dell’IVA direttamente nella dichiarazione dei redditi con modello unico. Questa documentazione può essere inviata entro il 30 aprile di ciascun anno, quindi è possibile inserire il saldo annuale dell’IVA fino al 30 giugno 2018.

Per poter fare questa operazione è necessario applicare una maggiorazione, dello 0,40%, a titolo di interesse per ogni mese in cui non si è versata l’IVA del quarto trimestre. La nuova Legge di Stabilità ha introdotto moltissime novità al riguardo. Rispetto agli anni scorsi, è possibile presentare il tutto con la dichiarazione dei redditi nel Modello Unico. 

Versamento Iva annuale in rateizzazione: come si rateizza?

Se sussistono determinate condizioni di base, è possibile rateizzare l’Iva, con scadenza  prolungata al 16 novembre 2018,

Per richiedere la rateizzazione bisogna sbarrare la casella “presenti” nel modello F24. Anche in questo caso, verrà applicata la maggiorazione dello 0,40 per 100 per ogni mese dal 30 giugno in poi.

La prima rata va versata a marzo, mentre per le altre è necessaria la rateizzazione in due o nove rate. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile approfondire come rateizzare l’Iva e trasmettere i documenti necessari in relazione al proprio caso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *